Fonti animali di omega-3

0

Esistono diverse fonti animali di omega-3. La fonte maggiore è senza dubbio il pesce. Purtroppo la grande maggioranza dell’approvvigionamento di pesce è ormai pesantemente infestata da tossine industriali e inquinanti, come metalli pesanti che includono mercurio, piombo, arsenico e cadmio, PCB e veleni radioattivi.  L’unica eccezione sono i salmoni selvatici e pesci molto piccoli come le sardine. Le concentrazioni più elevate di mercurio si trovano nei grandi pesci carnivori come il tonno, il pesce marino e il marlin. Potrebbe essere necessario essere particolarmente cauti anche per il tonno in scatola, dal momento che i test indipendenti del Mercury Policy Project hanno scoperto che la concentrazione media di mercurio in tonno in scatola è molto al di là dei “limiti sicuri” stilati dall’Agenzia per la protezione ambientale (EPA).

È inoltre importante evitare il salmone d’allevamento, che contiene solo la metà dei livelli omega 3 di salmone selvatico. Può anche contenere una serie di contaminanti, tra cui tossine ambientali, astaxantina sintetica e sottoprodotti metabolici nocivi e residui agricoli di mangimi GMO a base di mais e di soia.

L’olio di pesce è quello più usato per l’assunzione di grassi omega-3. Gli oli di pesce di alta qualità possono certamente fornire molti benefici per la salute. Tuttavia, questo olio è debole in antiossidanti. Ciò significa che aumentando l’assunzione di omega-3 attraverso il consumo di olio di pesce, aumenta effettivamente la necessità di una maggiore protezione antiossidante.

Ciò accade perché l’olio di pesce è deperibile e l’ossidazione porta alla formazione di radicali liberi dannosi.

Olio di fegato di merluzzo bianco, anche se è  sconsiglio a causa del potenziale di rapporti problematici delle vitamine A e D.

Olio di Krill, ha una potenza antiossidante dell’olio 48 volte superiore rispetto all’olio di pesce. Inoltre contiene astaxantina, un flavonoide di origine marina che crea un legame speciale con l’EPA e DHA per consentire il metabolismo diretto degli antiossidanti, rendendoli più biodisponibili. Krill – o “okiami” come lo definiscono i giapponesi – sono piccole creature simili a gamberi, base fondamentale dell’alimentazione in Asia dal XIX secolo o prima. La raccolta di krill è completamente sostenibile e uno dei più ecologici del pianeta. Krill è la più grande biomassa del mondo e si trova in tutti gli oceani. Il krill antartico, di gran lunga il più abbondante, è sotto la direzione di un’organizzazione internazionale di 25 paesi conosciuti come la Commissione per la conservazione delle risorse marine marine antartiche (CCAMLR).

La biomassa krill antartica utilizza rigidi regolamenti internazionali di limitazione delle prescrizioni precauzionali, riviste regolarmente per assicurare la sostenibilità. Nessuna carenza di krill è mai stata prevista da CCAMLR. L’olio di pesce e l’olio di krill sono i due principali protagonisti del regno dei grassi omega-3 a base animale. Ma l’olio di krill offre vantaggi superiori. Infatti, uno studio del gennaio 2011 sui lipidi11 dimostra che gli effetti metabolici dei due oli sono “essenzialmente simili”, ma l’olio di krill risulta efficace come l’olio di pesce, nonostante contenga meno EPA e DHA. Un altro dato suggerisce che l’olio di krill viene assorbito fino a 10-15 volte così come l’olio di pesce. Si dice che la sua composizione molecolare contribuisca ad un suo migliore assorbimento.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUna nuova Assicurazione viaggi: nasce TravelEasy.it
La redazione di Newsassicurazioni.it sempre alla ricerca di notizie sulle assicurazioni online e nelle agenzie tradizionali per informarvi su leggi, agevolazioni e cambiamenti importanti che ci riguardano ogni giorno.